Aggiungere sottotitoli permanenti a un video MKV, con Linux

Il caso è classico: abbiamo un video in lingua straniera e un file di sottotitoli (ad esempio, srt). Vorremmo vedere questo video sul nostro televisore, ma nessun lettore (e neanche la PS3) supporta sottotitoli di questo tipo.

L’unica possibilità che abbiamo è quella di incorporare i sottotitoli direttamente nelle immagini del nostro video, cosa che ovviamente garantisce compatibilità, ma è anche un’operazione irreversibile.

Nel mio caso, ho scelto anche di convertire il file da MKV a AVI (XviD) per assicurarmi che fosse leggibile da tutti i miei lettori.

Wing Chun. Yip Man.
Per iniziare installiamo mencoder, il software che utilizzeremo per la conversione. Eseguiamo quindi questo comando:

mencoder originale.mkv -ovc xvid -oac mp3lame -xvidencopts fixed_quant=3 -sub sottotitoli.srt -subfont-text-scale 2.5 -o risultato.avi

Tra gli infiniti parametri (oltre a quelli relativi al file di origine, di uscita e dei sottotitoli), quelli degni di nota sono:

  • -xvidencopts fixed_quant=3
    3 è alta qualità e bassa compressione. 4 è medio e 5 bassa qualità ma alta compressione
  • -subfont-text-scale 2.5
    la dimensione, in percentuale, dei sottotitoli. Qui è impostata a 2.5% rispetto alla dimensione del video
  • -subpos <0-100>
    non è specificato nell’esempio, ma questo utile parametro permette di modificare la posizione verticale dei sottotitoli, se quella predefinita non vi soddisfa. Il valore da 0 a 100 è la percentuale tramite cui indicare la posizione. Ad esempio, 100% fa sì che i sottotitoli siano completamente in basso.

Un esempio più elaborato può essere il seguente:

mencoder originale.mkv -ofps 25 -ovc xvid -oac mp3lame -lameopts abr:br=192 -srate 48000 -xvidencopts fixed_quant=3 -vf scale -zoom -xy 720 -sub sottotitoli.srt -subfont-text-scale 2.5 -o risultato.avi

Esistono tantissimi altri parametri che possono controllare molti altri aspetti del nostro video in uscita, ma io mi fermo qui. Questa è una base da cui partire, ed ora una veloce ricerca su Google può risolvere tutti i problemi.

In ogni caso, non esitate a chiedere ulteriori informazioni nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *