Unity: per me è bocciato

Dopo quasi 3 mesi di utilizzo costante, il mio voto per Unity è decisamente negativo. Le idee ci sono e sono buone, certo, ma è ancora un software troppo immaturo per essere utilizzato quotidianamente1.

Tra gli infiniti problemi posso citare le “finestre invisibili” che ogni tanto spuntano dal nulla e che nessuno riesce a risolvere (bug #755459 e tanti altri uguali). Per continuare ci sono le applicazioni che, una volta ridotte a icona nel launcher, non ne vogliono sentire di ripristinarsi alle dimensioni normali. Vogliamo parlare poi dello strano fenomeno che vede la GUI di alcune applicazioni (come Thunderbird, Firefox e Skype) “rompersi” mostrando buchi trasparenti e comportandosi in modo indescrivibile e inusabile? Oppure di quelle altre applicazioni che non ricevono il focus neanche se le minacci? O di quelle che non si chiudono?

Alcuni di questi problemi c’erano già in partenza, altri sono arrivati successivamente, ma tutti rappresentano dei gravi ritorni al passato.

Non ci resta che aspettare la prossima versione di Ubuntu, la 11.10, sperando che Unity sia più maturo. E eventualmente, in questi mesi di attesa affidarci alla saggia opzione della sessione “GNOME classico”.

E voi, colleghi “ubuntiani”, come vi siete trovati?

Note:
  1. A meno che non abbiate la mia stessa attrazione verso il rischio irresponsabile []

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *