Recensione – Fringe 4×15 “A Short Story About Love”

Finalmente! Dopo circa un mese possiamo rivedere questi attori pieni di talento, ma io con tutte queste pause sto diventando pazzo.

Se non avete ancora visto questa serie, date un’occhiata almeno al pilot. Come ho già detto gli attori sono eccezionali, e la storia affascinante. Non a caso la classifico come una delle migliori serie che io abbia mai visto.

Veniamo alla puntata. Il “caso della settimana” non si fa troppo invasivo, perciò viene dato spazio anche ai problemi di memoria di Olivia e al tentativo di Peter di tornare a casa.

Gli osservatori stanno diventando sempre meno misteriosi, soprattutto grazie a Settembre che probabilmente verrà impiccato dai suoi colleghi appena lo trovano. Tutto questo è molto rassicurante, perché allontana il temuto effetto Lost dei misteri mai risolti e lascia spazio a nuovi interessanti sviluppi nella trama.

Forse sono un po’ troppo esigente, ma non mi è piaciuto il modo in cui hanno introdotto l’orsetto registrante di Walter. Ok, lo so che è idiota, ma avrei apprezzato se l’acquisto fosse stato introdotto in una puntata precedente1. Fatto in questo modo sembra un po’ buttata lì. Ma niente di che, comunque.

Olivia accetta il fatto che la sua memoria verrà sostituita con quella della nostra, vecchia, cara Olivia, mentre Settembre spiega a Peter che questa Olivia… è la sua Olivia. Per questo la puntata si conclude con i due che si abbracciano, di nuovo ancora senza alcun cliffhanger. Non che ce ne fosse bisogno (del cliffhanger, intendo. Il ritorno della memoria sarebbe stato gradito soprattutto in Chuck, ma questa è un’altra storia).

Il voto? Facciamo un

88/100

La serie non mi sta deludendo, nonostante sia la quarta stagione la storia resta interessante e ben fatta. Ottimo.

Siete soddisfatti di come sono andate le cose tra Peter e Olivia? Avreste voluto che tutti tornassero con le loro memorie originali? Vi chiedete quanto sia ridicolo il suppostone degli osservatori? Ditelo nei commenti.

Tutte le recensioniFringe

Note:
  1. magari è successo e non me lo ricordo? []

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *