ReactOS, il sistema operativo che non serve a niente

LibreOffice in ReactOSConoscete ReactOS? Nel suo piccolo angolo di geekosità, è relativamente famoso.

In breve, si tratta di un clone libero e aperto della famiglia NT dei sistemi operativi Windows. Come recita la home page italiana: “questo non è un sistema basato su Linux, e non condivide niente dell’architettura Unix“.

A questo punto starete pensando una di queste due cose: “che bello” oppure “che merda”. Vi darò il mio personale verdetto nelle conclusioni dell’articolo.

Conclusioni

ReactOS è una merda. Però è una merda utile.

Fine dell’articolo, lasciate un commento!

No, aspetta, cosa??

Ehh, e io che volevo scamparla con un post breve, per una volta. Soprattutto dopo il riassunto di Fringe che è stato una faticaccia.

Abbiamo detto che ReactOS sta copiando l’architettura di Windows-NT. Cosa c’è di sbagliato in questo? Dopotutto Windows, almeno a livello kernel, è un buon sistema operativo. Non ci vuole un genio a capire il problema: Windows è un sistema operativo commerciale il cui codice e la maggior parte delle specifiche interne sono ben nascoste e non documentate. ReactOS deve, per sua natura, inseguire il fratello maggiore in una corsa in cui arriverà sempre secondo.

Ma non è che arriverà sempre secondo perché gli sviluppatori sono pochi e tutti hobbisti (beh, anche per quello). Arriverà sempre secondo perché è materialmente impossibile prevedere le mosse di Microsoft! Mi ricorda un po’ la situazione di LibreOffice.

Chi vorrebbe usare un sistema operativo del genere? Io no di certo. Quindi, per favore, evitate di installare ReactOS sul PC di vostra nonna. Anche perché tanto è in alpha perenne.

Comunque, ho detto che è anche una merda utile. QUindi non potete linciarmi.

Certo che è utile! È utile a nessuno!

No dai, gli sviluppatori di ReactOS e quelli di Wine lavorano a stretto contatto tra loro, quindi della buona parte del lavoro che viene svolto sul primo ne beneficerà anche il secondo.

Nonostante quel che dicono loro1, Wine è un progetto decisamente più intelligente di ReactOS. I sistemi Linux hanno già tutto quel che serve per un utilizzo solido e produttivo come su Windows (e forse di più), ma Wine rappresenta una piccola spinta iniziale per colmare la lacuna di alcuni software non disponibili sul pinguino. E la situazione migliora di giorno in giorno, non mi stupirei se tra qualche anno anche Wine diventasse pressoché inutile.

Solo che sì, Wine serve, almeno per ora. A me piace usare Ubuntu, ma LibreOffice mi fa schifo. Lo uso per compiti semplici, per il resto preferisco Office 2007. Con Wine, posso. Non si tratta di riscrivere da zero un sistema operativo, si tratta solo di creare un livello di compatibilità. È decisamente più semplice, pur essendo anche lui impegnato nell’inseguimento pazzo.

Conclusioni (di nuovo)

Quindi sì, per favore continuate lo sviluppo di ReactOS anche se nessuno lo userà mai per un Windows amico! Per un Windows open! Per un Windows libero! (seh seh)

Note:
  1. o dicevano, visto che la frase è stata rimossa dalle FAQ []

12 pensieri su “ReactOS, il sistema operativo che non serve a niente

  1. beh che lo sviluppo di reactos sia lento non ci sono dubbi, gli sviluppatori sono ben pochi, ma altre noti personaggi del mondo informatico si sono espressi positivamente, addirittura potrebbe rappresentare un pericolo per windows ( commercialmente parlando) data la sua natura open source…attendiamo d’altronde, altri progetti grandiosi si sono insabbiati, quindi meglio procedere lentamente come android x86, poi si vedrà, io personalmente Reactos lo userei, e se proprio è merda come dici pazienza, e la vita.

  2. Lo useresti così? Nello stato in cui è ora?
    Se riuscisse a mettersi in pari con l’originale sarebbe fantastico e potrei anche io iniziare a usarlo, ma non penso avverrà mai purtroppo.

  3. Un’articolo pietoso a dir poco.Reactos ha ancora molta strada da fare e quindi ?
    siccome c’è Win8 con le sue idiozie tutti quanto devono stargli dietro ?
    Se non lo vuoi usare,non lo usi,punto.Quando Reactos uscirà in beta sarà stabile,si avvicina molto ad XP..voglio vedere quanti compreranno i futuri windows sapendo che in giro ce n’è uno più snello,leggero e gratis.

  4. Davvero pensi che un piccolo team possa stare al passo dei “giganti” degli OS, come Microsoft e Apple? Il lavoro che c’è dietro è enorme, e la tecnologia va avanti troppo velocemente.
    Continuando sulla strada di adesso non riuscirebbe nemmeno ad essere paragonato a Ubuntu.

    Per finire, a nessuno interesserà una copia di Windows che sia snella leggera e gratis, perché
    1) gli utenti privati pirateranno Windows come purtroppo hanno sempre fatto (e, comunque, il 99% delle persone se lo troverà preinstallato e non andrà certo a cambiarlo)
    2) le aziende già hanno paura a passare a Ubuntu sui desktop… figurati a una copia di Windows che, seppur snella leggera e gratis, non ha un minimo di garanzie o supporto commerciale.

  5. Non vedo tutta questa eccellenza ne in Ms ne in Apple,quest’ultima non hai mai fatto testo in informatica…aggiungi pure che può essere installata su un solo hardware e si elimina da sola.
    Reactos è nato come alternativa gratuita a Windows senza sottostare alle idiozie e ai capricci di Ms.
    Certo che il lavoro che c’è dietro è grande,Ms è miliardaria e si può permettere centinaia di sviluppatori suddivisi in team….cosa ne è uscito da questa famosa azienda ?
    il flop di Vista ? 7 che è il miglioramento di Vista ? Win8 che non è altro un 7 rimaneggiato e con scelte alquanto discutibili ? Surface che ha avuto questo enorme successo ? :D
    Eppure è Ms con miliardi e centinaia di sviluppatori alle spalle,alla faccia eh.
    Rimanendo in windows l’unico degno di nota come OS è stato XP,dopo si è incominciato a fare pesanti bloatware.

    1) Lo dici tu,Windows ti obbliga ad avere un hardware recente per i loro ultimi OS,ReactOS no…una bella differenza.Appunto perchè esiste il piratato,voglio vedere quanti comprano windows nella realtà.

    2) Le aziende non pagano ReactOS come invece devono fare ora,specie con un passaggio forzato da XP -> Win7-8…..Neanche Windows ha garanzie e il supporto lo paghi caro.

  6. Non ci sono le *risorse*.
    Un buon sistema operativo non è determinato solo da quanto bene schedula i processi. Oltre al già enorme lavoro di programmazione, c’è ad esempio da lavorare sul design, da fare studi sulla usabilità, …
    Il kernel è quello di NT, quindi qui non c’è molto spazio per la fantasia (tranne che per le parti non documentate, e qui si aprirebbe un altro capitolo).
    Poi, a meno di non voler ripetere le oscenità di Windows Vista, 7, e 8, serviranno delle scelte diverse a livello di interazione con l’utente. Mi chiedo chi è che penserà a queste cose, mentre intanto il kernel di Windows (quello originale) va avanti e bisogna tornare a correre dietro alle nuove funzionalità.

    Guarda Ubuntu: si muove con difficoltà pur avendo un enorme numero di persone che sviluppano il kernel separatamente.

    Se domani ReactOS si trasformasse in un’azienda milionaria potrei anche crederci, ma così… è la cosa più impossibile del mondo.

  7. Guarda cosa fanno Apple e Ms con le risorse che hanno,idiozie allo stato puro.
    Un buon OS deve essere performante,leggero,senza fronzoli….il design è l’ultima operazione a cui si deve pensare.Quando progetti un auto da corsa che deve raggiugnere alte prestazioni la prima cosa che fai e progettare un motore potente,poi fai la carozzeria.Se fai il contrario ottieni una Lamgorgini fuori con motore di una utilitaria.
    L’importante per ReactOS è che supporti la maggior parte dei programmi di windows,alla fine quello serve.Il kernel di windows può anche andare avanti,guarda XP son 12 anni che è in giro nonostante Vista,7 e 8 sul mercato,tranne alcune applicazioni che Ms ha forzato per il proprio tornaconto,la maggior parte dei programmi che trovi in giro girano benissimo su XP.Quali sono queste funzionalità a cui bisogna correre dietro se non il tornaconto per la Ms ?

    Ubuntu e derivate sono le distro a maggior diffusione,nonostante qualche errore di percorso sono ancora li….

    Purtroppo le idee innovative,l’efficienza di un OS,il semplice andare incontro ai bisogni reali di un utente non saranno mai portate da un’azienda milionaria come la Ms.Loro impongono è diverso.

  8. “Un buon OS deve essere performante,leggero,senza fronzoli….il design è l’ultima operazione a cui si deve pensare.”
    E credi che mentre i programmatori basso livello sono tutti lì a fare il loro sicuramente grandioso lavoro sul design, il kernel continua a scriversi da solo perché tanto la v1.0 è stata già completata?

  9. Non so te ma io su Win8 vedo ancora NTFS che risale a NT,non un file system diverso,non un esplora risorse a schede,nel 2013 ancora il registro di sistema,integrazione di .Net il peggior linguaggio di programmazione mai visto con falle di sicurezza ogni 2X3,deframmentazione e addirittura integrazione di un antivirus in un OS,non si era mai visto una cosa den genere.Partono sempre dalle stesse basi e ci costruiscono sopra.Dov’è tutta questa grande superiorità di Ms con tutto il denaro che si ritrova per le mani ?

  10. Stai ignorando quel che ti dico…
    non importa se le mosse di Microsoft fanno schifo oppure no (e comunque ha generato anche soluzioni ottime – vedi .Net), in ogni caso ReactOS non può farcela a diventare quello che stai sognando.

  11. Il progetto ReactOS non è nato per far concorrenza a Ms nel breve termine,a differenza di windows non ha una data specifica dove dice che esce la versione definitiva.E’ comunque un alternativa per quelli che non vogliono comprare l’ennesimo windows copia e aggiornare le loro macchine con i l vecchio OS non più supportato.

  12. Sottoscrivo quanto affermato da Snake.
    ReactOS non vuole essere Windows. Vuole che alcuni programmi di Windows possano girare su un sistema x86 con una apparenza simile a Windows (pre 8.0 e successivi) e questo senza dover spendere nulla ne piratare alcunche’.
    Non avra’ mai bisogno di super funzionalita’. Ne distribura’ versioni server.
    Ma sicuramente funzionera’ su tutti quei pc sui quali il caro Windows 8.1 non puo’ essere installato per le solite esose richieste di caratteristiche (es. minimo 1Gb di ram per le versioni 32 che salgono a 2Gb di ram per le versioni 64) che Microsoft deve pretendere per far girare un minimo quello schifo di SO che si ritrova e che peggiora ogni anno che passa. Reactos non ha quelle pretese e non le avra’ mai. Proprio per questo e’ seguito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *